Leggi le specifiche

Marruca

La Marruca è un arbusto spinoso (Paliurus spina-christi), appartenente alla famiglia delle Rhamaceae e può crescere ad altezze che vanno da 1 a 4 metri. Cresce sui pendii aridi e in cespuglieti da 0 fino a 500 metri di altitudine ed è abbastanza diffuso in Italia. Il periodo di fioritura va da maggio a luglio. Il nome probabilmente deriva dalla “marra” utensile rusticano a punta ed affilato che veniva impiegato per tagliare l’erba. In Maremma è da sempre stato utilizzato per delimitare i recinti in cui pascolavano o vivevano gli animali, in virtù della robustezza e resistenza dell’arbusto e delle dimensioni delle spine, che riuscivano a tenere a bada anche gli animali meno docili. Nell’alta e bassa Maremma, così come alle pendici dell’Amiata ancora ci sono apicoltori artigiani che spostano le loro arnie nelle marrucheto nei periodi di fioritura, per ricavarne un miele molto particolare, dal colore ambrato, dal gusto inizialmente pungente, ma che poi rivela note dolci di caramello. La Marruca è dunque una birra aromatizzata al miele di marruca. Viene prodotta utilizzando 6 diverse varietà di malto, luppoli tedeschi ed americani. Un ingrediente fondamentale si rivela anche l’acqua, quella dell’acquedotto del Fiora, particolarmente pura e leggera, proprio perché attraversa lunghi strati di roccia porosa di origine vulcanica. E’ una birra ad alta fermentazione, che impiega dei lieviti americani, rifermentata due volte, la prima in un fermentatore e la seconda in bottiglia. Questo fa sì che possa essere conservata per 12 mesi dall’imbottigliamento a temperatura ambiente (max 28°C) al riparo dalla luce. Come tutte le birre artigianali di qualità, è prodotta con le migliori materie prime e con metodi semplici ed antichi. Il prodotto finale, non pastorizzato, presenta aromi e sapori molto particolari. La rifermentazione in bottiglia porta ad una carbonatazione naturale, che non dilata lo stomaco. Le bottiglie da 0,75 L resistenti ad elevate pressioni , sono tappate con speciali tappi a corona con una membrana (bidul) che garantisce l’assenza di contatto della birra con il materiale del tappo ed una migliore tenuta. La Marruca è prodotta tutto l’anno, compatibilmente con la disponibilità del miele di marruche, abbastanza raro. Il confezionamento è in cartoni da 6 bottiglie per il formato da 0,75 L Tempo Medio di Conservazione: 12 mesi al buio ed a temperature < di 28°C. Per ottenere la migliore carbonatazione si consiglia di lasciare in frigorifero la bottiglia almeno 24 ore e successivamente porla a temperatura ambiente almeno 10 minuti prima della somministrazione

Specifiche Marruca

ingredienti:

acqua, malto d’orzo.  Miele di Marruca. Differenti tipologie di luppoli, lieviti selezionati

Scheda di degustazione:

Stile Birra al miele
Gradi7,0° (mesi caldi) – 9,0° (mesi freddi)
Temperatura di servizio8 – 12°C
Bicchiere Flute
Schiuma Schiuma non abbondante, ma inizialmente compatta.
Colore Giallo oro intenso tendente all’ambra
Aroma Al primo impatto non si percepisce il miele, ma una volta in bocca, espirando l’aria, si percepisce un delicato profumo di miele
Gusto inizialmente si percepiscono le note dolci di caramello e toffee provenienti dai malti che sono stati impiegati. La sensazione dolce si concretizza su un sapore come di mele cotte per poi vedere l’arrivo delle note dolci del miele. La luppolatura finale è delicata e non si sovrappone al gusto del miele

Abbinamenti:

risotti, salumi stagionati, formaggi freschi e stagionati, dolci al miele.

La Contessa argento 2013

L’angolo dei premi

Video

cookieassistant.com